E-master www.formazione.sepel.it www.formazione.sepel.it www.formazione.sepel.it

In Agenda

Caricamento in corso...

Riconoscimento dello status di rifugiato politico e nulla osta al matrimonio

Maria Teresa Magosso  Thu Sep 07 00:00:00 CEST 2017 versione PDF

Con la Convenzione di Ginevra del 28/7/1951, entrata in vigore per l'Italia il 22 aprile 1954, ratificata e resa esecutiva nel nostro Paese con Legge 24 luglio 1954, n.722, ed il Protocollo relativo allo status di rifugiato, firmato a New York il 31 gennaio 1967, entrato in vigore il 4 ottobre 1967 e reso esecutivo in Italia con Legge 14 febbraio 1970, n. 95, viene definita la condizione giuridica di rifugiato e delineati i diritti ed i doveri ad essa collegati. Lo status di rifugiato politico pu˛ essere accertato con provvedimento amministrativo oppure per via giudiziale.
Le autoritÓ competenti alla valutazione della domanda sono le Commissioni territoriali per il riconoscimento della protezione internazionale. Il loro numero Ŕ stato portato da dieci a venti con il Decreto Legge n. 119 del 22 agosto 2014. Ulteriori decreti hanno aggiunto altre sezioni delle Commissioni stesse per il riconoscimento della protezione internazionale, composte dai membri supplenti, per fare fronte all'eccezionale incremento delle domande di asilo.
La Commissione territorialmente competente decide con decreto e la natura della decisione ha natura ricognitiva.
Il diniego del riconoscimento dello status di rifugiato pu˛ essere oggetto di ricorso giurisdizionale da parte del richiedente, rivolgendosi al Tribunale ordinario in composizione monocratica, secondo le previsioni dettate dall'art. 35 del d.lgs. 25/2008 e dall'art. 19 del d.lgs. 150/2011.
Il rifugiato politico che vuole contrarre matrimonio in Italia deve, invece, inoltrare domanda di rilascio della documentazione attestante la propria capacitÓ matrimoniale, ovvero il nulla osta di cui all'art. 116 del c.c., all'UNHCR - Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati.
Tale competenza Ŕ stata definita dal Telespresso inviato in data 9 aprile 1974 dal Ministero di Grazia e Giustizia (DG Affari Civili e Libere Professioni) al Ministero degli Esteri (DG Emigrazione e Affari Sociali, Ufficio VIII) di cui Ŕ stata trasmessa copia all'UNHCR stesso. In questa comunicazione, facendo espresso riferimento all'art. 25 della Convenzione di Ginevra, venne " accertata la legittimazione, ai sensi dell'ordinamento internazionale, dell'Alto Commissariato per i rifugiati a rilasciare la dichiarazione de qua. La stessa pu˛ essere ritenuta quale atto sostitutivo del nulla osta previsto dall'art. 116 del Codice Civile ".
La documentazione da inviare per il rilascio del nulla osta, secondo le informazioni diramate dall'UNHCR e reperibili nel proprio sito, sono:
a) copia dell'atto di notorietÓ con due testimoni effettuato presso il Tribunale in cui vengono dichiarate le generalitÓ della persona ed il suo stato civile;
b) decisione di riconoscimento dello status di rifugiato;
c) permesso di soggiorno in corso di validitÓ;
d) copia di un documento valido del futuro coniuge.




Caratteri disponibili: 500

Per inserire un commento è necessario effettuare il login

Focus

Alfonso Ermanno Matarazzo 15/09/2017

Cassazione Penale, Sezione IV, sentenza n. 27295 in data 31.05.2017: legittima la costituzione di parte civile del sindacato in caso di infortunio sul lavoro...
Leggi

Dante Buson 15/09/2017

In quali ipotesi il Comune Ŕ tenuto a sostenere le spese del funerale?...
Leggi

Michele Ius 07/09/2017

Protezione nazionale anche a chi Ŕ scappato da tempo dal proprio paese....
Leggi

Maria Teresa Magosso 07/09/2017

Riconoscimento dello status di rifugiato politico e nulla osta al matrimonio...
Leggi

App Imposta di Bollo

Applicazione Mobile

Applicazioni

Trasparenza Ge.Mo. Quesiti DB atti ufficiali Applicazione Mobile Applicazione Mobile

Partner

Immigrazione.it

Informativa sui cookies

S.E.P.E.L. Editrice | via Larga Castello 15 Minerbio (Bo) tel. 051.878143 fax. 051.878509 | P.iva 00497931204 C.F. 00285910378 Reg.Impr. BO n.00285910378 | PEC sepel@pec.it

Caricamento in corso...